Educare allo sport: i segreti dell'Australia di Aldo Scandella - Simone Susio
15835
post-template-default,single,single-post,postid-15835,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-13.1.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive

Educare allo sport: i segreti dell’Australia di Aldo Scandella

Educare allo sport: i segreti dell’Australia di Aldo Scandella

Rugby, nuoto, calcio, cricket, tennis, surf e molto altro ancora….lo sport in Australia, ma soprattutto a Sydney viene vissuto a 360 gradi e paradossalmente in una delle città più care al mondo è quasi meno costoso iscriversi mensilmente a una palestra con annessa piscina, campi da tennis e corsi di allenamento funzionale che comprare un pacchetto di sigarette.

In questa metropoli da quasi 5 milioni di abitanti spicca il complesso di Sydney Olympic Park, nel quale ho la fortuna di risiedere e di lavorare per una Soccer Academy ( A.C. Milan Academy).

Sydney Olympic Park è stata costruita in occasione dei Giochi Olimpici estivi del 2000 e le strutture utilizzate ai tempi dai vari Maurice Greene, Michael Johnson e Ian Thorpe sono ora utilizzabili da chiunque voglia praticare attività sportiva.

Lo sport è un’ossessione per la popolazione Australiana e infatti a livello scolastico viene proposto a partire dalla scuola materna.

Gli sport più popolari sono quelli di origine Britannica come il Cricket, il Football Australiano, il Rugby e il Calcio, ma ai ragazzi non vengono proposti solamente questi sport.

Difficilmente gli studenti praticano a livello agonistico un solo sport. A tutti i ragazzi, sono proposti vari tipi di sport che vengono affrontati sempre in maniera professionale, ma senza mai perdere di vista il divertimento quale scopo principale. La pozsibilità di svolgere un numero elevato di attività sportive se da un lato consenti dii aumentare il proprio bagaglio di conoscenze motorie e cognitive, dall’altro a diminuisce l’efficienza della prestazione sportiva specifica. Ma bisogna sempre ricordare che i giovani si allenano per il futuro e non per ottenere risultati immediati nel presente! Per tale ragione è   corretto porre in primo piano l’acquisizione di un cospicuo repertorio di movimenti perché permette ai bambini di “indossare” un bagaglio motorio che risulterà indispensabile per  ulteriori apprendimenti motori e per il proprio benessere psico-fisico. Gli Australiani vivono di sport: è evidente dall’organizzazione, dalle strutture e dalla professionalità degli operatori. Se pensiamo al calcio, la differenza ad ora è solo culturale: in Europa il calcio è passione e viene vissuto quasi come una religione sia dal bambino che dall’adulto, in Australia è uno sport…in ascesa, ma pur sempre uno sport! Ne parleremo nel prossimo articolo!

 

 

 

ALDO SCANDELLA

Sono Laureato in Scienze e tecniche delle attività motorie preventive ed adattate presso l’università di Brescia.
Ho ricoperto il ruolo di insegnante di educazione fisica presso le scuole scuole primarie e  l’attività di allenatore di settore giovanili calcistici dal 2011
Terminati gli studi ho iniziato a ricoprire il ruolo di preparatore atletico presso l’A.C. Milan Academy a Sydney in Australia.